Cronaca

Roma – Narcotraffico internazionale, sette arresti

Sette persone, ritenute presunti appartenenti a clan di camorra, sono state arrestate dai finanzieri del comando provinciale di Roma. Una ordinanza cautelare in carcere eseguita per il reato di traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

L’attività investigativa del Gico di Roma, avrebbe avuto inizio dal sequestro di 43 chili di eroina, fatto dalla polizia turca nell’agosto del 2012 al confine con la Grecia. Droga che era occultata in un’autovettura di un cittadino italiano, che avrebbe simulato un viaggio di piacere con la famiglia, perché avrebbe dovuto far giungere il carico di droga nella capitale italiana. Quantitativo di droga che immesso sulla piazza di spaccio, avrebbe permesso guadagni per oltre 2 milioni di euro.
Un’indagine internazione che avrebbe portato ad individuare come destinatari del carico, soggetti considerati dagli inquirenti, presunti appartenenti ad un clan camorristico di Secondigliano, attivo nella Capitale e nel basso Lazio. L’organizzazione avrebbe puntato ad importare ingenti quantitativi di droga, sia eroina che cocaina, sfruttando le rotte differenti di Turchia, Spagna, Olanda e Venezuela, attraverso solide alleanze con i narcotrafficanti turchi, ecuadoregni e olandesi. Utilizzando vetture con doppiofondo, venivano rifornite le piazze di spaccio della Capitale, di Scampia, dell’agro pontino tra Terracina e Fondi. Gli arresti dei sette soggetti sono stati eseguiti con l’impiego di oltre 100 militari, che hanno effettuato anche 20 perquisizioni nelle città e nelle relative province di Roma, Napoli, Lecce, Latina, a carico di altri soggetti coinvolti a vario titolo nelle attività di narcotraffico.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Close