VN Cultura

Recale – Balla il giglio in onore di S.Antimo

Rinnovata la tradizione a Recale (Ce) per l’alzata e la processione del giglio in onore di Sant’Antimo. Una festa che quest’anno ha inaugurato il nuovo rivestimento, in stile barocco, che rappresenterà per i prossimi due anni, il “vestito” dell’obelisco, e affidato alla sapiente arte della bottega Tudisco di Nola, maestri cartapestai da generazioni. La festa liturgica si celebra l’11 maggio, giorni nel quale vengono annunciati festeggiamenti per la prima domenica di giugno in onore del santo protettore, mediante l’alza bandiera in piazza Matteotti.

La data del 2 giugno ha inevitabilmente avuto un prologo dedicato alla Festa della Repubblica con la deposizione di una corona d’alloro vicino alla lapide dei caduti sul muro del vecchi municipio. Poi l’alzata del Giglio per il trasporto della statua del santo per le strade della città.

Una festa condizionata dalla crisi con la locale amministrazione che ha voluto festeggiamenti ridotti, senza le luminarie, per rispettare le tante famiglie in difficoltà economiche. Una decisione, quella di limitare le spese, che è stata accolta in maniera unanime dal comitato dei festeggiamenti.

Una festa di popolo con il giglio trasportato dai cullatori che quest’anno si sono organizzati in corporazione, con tanti giovani che hanno offerto la spalla al santo per devozione. Larga la partecipazione per una tradizione centenaria e che rappresenta il vanto della piccola comunità alle porte di Caserta, per un evento che richiama numerose persone dai paesi limitrofi appassionati di gigli.

Tags
Close