Cronaca

Nola – Villa Comunale, sospeso l’abbattimento degli alberi

E’ iniziata l’operazione messa in sicurezza della Villa Comunale a Nola. Dopo l’assegnazione effettuata dall’ente di Piazza Duomo, la ditta incaricata ha iniziato il taglio delle piante a rischio caduta. Una necessità oggettiva, sotto il profilo della sicurezza, in un’area che rappresenta il principale polmone verde della città.
I giardini comunali sono da tempo interdetti alla popolazione, e con la Festa dei Gigli alle porte, l’amministrazione sente la necessità di riaprire la villa alla pubblica fruizione, ma in tutta sicurezza.
I giardinieri si sono messi in azione, ma gli ambientalisti del M5S non sono restati a guardare. Hanno fatto intervenire i carabinieri, in merito ad un mancato parere e al nulla osta della Soprintendenza. I militari hanno imposto lo stop ai tagli in attesa di aggiornamenti burocratici. Una temporanea sospensione, come ha dichiarato il sindaco Biancardi. Uno stop che sarebbe stato determinato da un intoppo burocratico che il Comune sta tentando di rimuovere. La Soprintendenza avrebbe chiesto ulteriore documentazione, che l’Ente avrebbe provveduto ad inoltrare.
Per Biancardi l’iter porterà all’abbattimento degli alberi, da mesi al centro di un confronto serrato tra politica cittadina e ambientalisti. Tra perizie e controperizie, ed in attesa di soluzioni alternative, gli alberi saranno tagliati ad eccezione del cipresso Montezuma, che secondo Biancardi, con l’area di pertinenza che resterà interdetta al pubblico.
Dunque una corsa contro il tempo per riaprire i giardini che dovranno ospitare un contestatissimo Street Food Festival.

Articoli correlati

Rispondi

Close