VN Cultura

Nola – Unitas, questa mattina la donazione per il progetto “Adotta l’Ospedale”

Giornata di donazioni a Nola. Il destinatario l’Ospedale Santa Maria della Pietà. Il mittente Unitas, associazione socio-culturale e di volontariato, che per il terzo anno consecutivo ha messo a disposizione dell’utenza il proprio impegno e la propria caparbietà, assicurando alla città un sostegno concreto ed incondizionato. 20 sedie a rotelle ed il Palvi Ball, un macchinario destinato al reparto di ginecologia, sono stati consegnati questa mattina all’Ospedale di Nola, alla presenza di tutti i soci dell’Unitas ma di pochissimi rappresentanti della struttura stessa. L’indifferenza più totale che li ha accolti, ha impedito ai soci dell’Unitas di compiere il consueto giro tra i vari reparti, costringendoli loro malgrado a lasciare sedie a rotelle e Palvi Ball semplicemente nell’atrio dell’Ospedale. Per l’Unitas, quello di oggi è solo il punto di arrivo di un percorso nato diverso tempo fa che ogni anno riscontra sempre maggiori consensi.

Due anni fa vennero installati dei televisori nelle sale del Pronto Soccorso; l’anno scorso un’apparecchiatura arricchì il reparto di pediatria. Quest’anno il ricavato ha permesso all’associazione Unitas di fare ancor meglio. Lo scorso 4 gennaio, presso il Teatro Umberto di Nola, alla serata di beneficenza denominata “Adotta l’Ospedale”, più di 600 persone testimoniarono con la loro presenza piena gratitudine e partecipazione verso un progetto che da tre anni a questa parte ha come unico scopo quello di raccogliere fondi da destinare esclusivamente alla struttura ospedaliera. Nel corso della serata, impreziosita dalla partecipazione del comico di Made in Sud Nello Iorio, diversi artisti nativi di questa terra si esibirono a titolo completamente gratuito, contribuendo sensibilmente alla causa al pari del pubblico e dell’Unitas stessa.

“Alla serata di beneficenza dello scorso 4 gennaio – afferma Antonio Laurino, presidente Unitas – abbiamo raccolto 5 mila euro grazie alla presenza di 700 persone. Stamattina abbiamo consegnato 20 sedie a rotelle ed il Palvi Ball, ma purtroppo le cose non sono andate come gli altri anni. La direzione sanitaria ed i rappresentanti dell’ospedale non ci hanno accolto, siamo entrati senza l’accompagnamento di nessuno, abbiamo lasciato le sedie all’ingresso senza neanche fare il giro nei vari reparti. Quest’anno il progetto “Adotta l’Ospedale” finisce – ha concluso con amarezza Antonio Laurino – purtroppo non c’è accoglienza, né l’appoggio della direzione sanitaria”.

Tags

Articoli correlati

Rispondi

Close