Altre SerieVN CalcioVN Sport

Nola – Spettacolare 5 a 3 contro la Maceratese che regala il secondo posto

Novanta minuti spettacolari che premiano il Nola 1925: l’anno solare 2015 (in cui cade il novantennale della società bruniana) si apre nel migliore dei modi con la vittoria ai danni della Real Maceratese.

Gara che capitan Tufano e compagni provano a fare propria sin dal fischio d’inizio: al pronti via è Principe a scaldare i guantoni dell’estremo difensore avversario sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Il gol bianconero è nell’aria ed al 4′ Di Biase è abile a capitalizzare un rigore concesso dal direttore di gara per un tocco di mano in area di rigore; doppio colpo per gli ospiti costretti a giocare in dieci uomini per l’espulsione di Giuliano e sotto di una segnatura nei primissimi minuti. Nel primo quarto d’ora le occasioni per i locali fioccano ma sia Sbordone (superbo nel parare la conclusione di Tufano al 9′) che l’imprecisione di Esposito mantengono lo score sulla lunghezza di distanza. La Real Maceratese prova a difendersi in modo ordinato per ripartire e fare male: al 22′ arriva, inaspettato, il pareggio grazie a Gheremedin, abile a capitalizzare uno svarione difensivo. Il Nola è frastornato dalla marcatura, e gli ospiti passano addirittura in vantaggio al minuto 44: un calcio piazzato sulla tre quarti si rivela fendente imparabile per Balbi che, disorientato, lascia che la sfera si insacchi sul palo di competenza. Dopo sessanta secondi di recupero arriva il duplice fischio arbitrale, con il collettivo guidato da Acampora costretto ad inseguire e pronto a riorganizzarsi.
E gli effetti del quarto d’ora di pausa si notano nelle prime due azioni della ripresa: il Nola torna a manovrare le redini dell’incontro grazie alle reti di Tufano ed Esposito, abili a sfruttare le sfolgoranti proiezioni offensive del neo-subentrato Di Napoli che ha preso il posto del debuttante Pini, promosso ma certamente non al 100% di condizione fisica. La pratica viene virtualmente chiusa da Di Biase a ridoso dell’ora di gioco, quando ruba palla agli avversari nei pressi del centrocampo e si invola in contropiede concretizzando la doppietta di giornata; il numero nove bruniano, ammonito quindi non disponibile per la prossima di campionato, abbandonerà il campo anzitempo sostituito da Pio Porto. Le schermaglie finali sono pura formalità, ma continuano a svilupparsi contenuti altamente spettacolari: al 76′ Gheremedin centra la doppietta personale con un eurogol da distanza siderale raccogliendo applausi a scena aperta, mentre un minuto più tardi timbra il cartellino anche Di Pietro, alla prima gioia con la maglia bianconera. Non c’è recupero ed il triplice fischio giunge, puntuale, al 90°.

Missione compiuta per la compagine di patron Allocca: complici i risultati delle dirette concorrenti, il Nola ritorna ad occupare la seconda piazza del campionato con 28 punti. Real Maceratese rimandata ad appuntamenti più “abbordabili”: la solidità del gioco espresso non è coincisa con il raggiungimento di punti dall’alto peso specifico.

 

 

 

Nola 1925 – Real Maceratese 5 – 3

Nola 1925: Balbi, Principe, Di Girolamo, Pini (45′ Di Napoli), Zobel, Zero, Esposito (53′ Di Pietro), Somigliato, Di Biase (84′ Porto), Trinchese, Tufano. A disposizione: Spirito, Anatrella, Abbate, Falco. Allenatore: Acampora

Real Maceratese: Sbordone, Varriale, Giuliano, Cesta (62′ Fontana), Irace, Mastroianni, Rossano, Russo, Faenza, Argenziano (70′ Tagliamonte), Gheremedin. A disposizione: Lombardi, Tagliafierro, Cicala, Carbone, Topa. Allenatore: Cicala.

Marcature: 4′, 61′ Di Biase, 47′ Esposito, 48′ Tufano, 77′ Di Pietro (N); 22′, 76′ Gheremedin, 44′ Russo (R).

Ammoniti: Zero, Esposito, Somigliato, Di Biase (N); Irace, Argenziano (R)

Espulsi: Giuliano (R)

Tags

Giandomenico Piccolo

Redattore, conduttore del Telegiornale e di Videonola Sport.

Articoli correlati

Rispondi

Close