Cronaca

Nola – Rete fognaria: l’Anac chiede alla SUA il rispetto delle procedure

Completamento delle reti fognarie a nola e del collettore San Gennaro. Lavori di riqualificazione urbana ed ambientale delle frazioni di Piazzolla e Polvica, oggetto di bando di gara e di un esposto dell’impresa Aerre Srl all’Autorità Anticorruzione.

Un esposto datato 27 gennaio e 21 aprile 2015 e presentato contro la Stazione Unica Appaltante e il Comune di Nola, dove venivano segnalate presunte irregolarità in ordine alla procedura di gara. Secondo la società sarebbe stato violato l’obbligo da parte della Sua, di dare pubblicità alle sedute di commissione di gara, che sono pubbliche nella fase di apertura dei plichi contenenti la documentazione, violando i principi di pubblicità e trasparenza dell’azione amministrativa. Una pubblicità che sarebbe stata data alla prima riunione della commissione, comunicando nella stessa riunione il successivo incontro. Secondo l’esponente, tale metodo sarebbe stato valido se tutti i concorrenti fossero stati presenti, eventualità che non verificandosi, avrebbe pregiudicato la validità della procedura di gara. La società nell’esposto ha anche evidenziato la mancata comunicazione della data di apertura dei plichi contenenti l’offerta tecnica.

L’Anac l’8 aprile del 2016, ha chiesto chiarimenti al Sua, e una relazione illustrativa che ha evidenziato come la prima seduta della commissione di gara era stata fissata, come da bando pubblico, e che con successivo avviso pubblicato sul sito istituzionale del Provveditorato era stata rinviata alla data del 12 gennaio 2015. La Commissione ha esaminato la documentazione contenuta nella busta A, alla presenza del rappresentante della impresa ricorrente.

Per l’Anac la Stazione Unica Appaltante non ha fornito nessuna risposta alle questioni inerenti alla pubblicità della convocazione della commissione di gara per le sedute successive alla prima, e in merito alla pubblica convocazione della commissione di gara per le operazioni di apertura dei plichi.

Per l’Anac i fatti contenuti nell’esposto potrebbero essere reali, e chiede alla Stazione Unica Appaltante di rispettare le disposizioni violate.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close