Politica

Nola – Residui passivi, eliminati altri 67mila euro

Continua la ricognizione e il ri-accertamento dei residui passivi da parte dei dirigenti di settore del Comune di Nola. Dopo il taglio per insussistenza operato da Paolino Santaniello, dirigente agli Affari generali, è il caposettore ai Beni Culturali e alle Politiche sociali, Felice Maggio, ad allinearsi alle nuove necessità imposte dalla legge al Segretario comunale Montazzoli.

La verifica effettuata ha interessato anche la Biblioteca comunale, ed ha prodotto l’eliminazione di tutte le economie di spesa rispetto agli impegni assunti, rilevate nella fase di liquidazione, residui passivi insussistenti e quelli prescritti, conservando tutte le somme regolarmente impegnate ed in attesa di liquidazione. Cancellati 67mila439euro ancora presenti alla data del 31 dicembre 2012.

Voci vecchie e datate 1994 come l’affido di minori in istituto a carico dell’Ente per 19mila euro. Un residuo di quasi 20 anni ancora riportato sistematicamente in bilancio, mentre sul sociale per le famiglie bisognose, dei carcerati e per le parrocchie, i contributi annullati ammontano a 31mila euro. Cifre cancellate che rientrano quasi tutte nella gestione dell’Amministrazione Biancardi, per un  indebolimento del sostegno alle fasce deboli, complice anche la probabile incidenza dei tagli regionali.

Quindi i dirigenti lavorano per riportare cifre e numeri ad un livello credibile che permetterà l’elaborazione di un bilancio serio e reale. Il potere gestionale sta eseguendo oggi, quello che la politica aveva da tempo chiesto, e solo attraverso obblighi di legge e il condizionamento di un’inchiesta giudiziaria in corso,  si sta ottenendo chiarezza e trasparenza.

Intanto la Procura di Palazzo Orsini, avrebbe concluso le indagini sulle anomalie gestionali dell’ufficio ragioneria, e quindi i magistrati sarebbero pronti a comunicare i nomi dei presunti responsabili che, dal 2004 al 2009, avrebbero generato pagamenti indebiti per oltre 2milioni di euro, una cifra questa che sarebbe destinata a salire.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close