Cronaca

Nola – Ragioniere capo, concorso da rifare

Bando di concorso per un dirigente del settore programmazione economica, punto e a capo.

Riparte da zero il comune di Nola dopo anni di mobilità di ufficio, bando di concorso, modifica di regolamento, utilizzo di requisiti impropri per l’accesso alla dirigenza con il solo diploma di laurea in scienze economiche o politiche, in netto contrasto con il decreto legislativo 165/2001.

Nuove norme adottate nel luglio del 2013 specificavano i requisiti richiesti per il posto di dirigente: laurea specialistica in Economia e Commercio o titolo equipollente, e una serie di esperienze lavorative e anzianità di servizio. Insomma nuovi elementi che hanno costretto l’Ente a revocare l’intera procedura concorsuale indetta il 7 giugno del 2011, con la delibera di giunta 86 del 17 settembre, notificando ai candidati ammessi l’annullamento del concorso.

Ora l’Ente riparte con un nuovo bando, cercando di colmare, al più presto, una vacatio grave in un settore nevralgico come quello delle finanze. Dal pensionamento di Daniele Cutolo, il ruolo dirigenziale è stato svolto a scavalco, mediante la disponibilità di dirigenti in forza presso altri comuni. Ultimo in ordine di tempo Marotta dal comune di Avellino.

Ora il carico della gestione del settore è affidato pro-tempore al segretario comunale Montazzoli. Una situazione che va risolta al più presto per ridare una guida esperta ad un settore, finito negli ultimi tempi, sotto la lente della magistratura di Palazzo Orsini.

Articoli correlati

Rispondi

Close