Cronaca

Nola – Nasce l’associazione ”Etica Area Nolana”

[arve url=”https://drive.google.com/file/d/0ByzGQ0N1neJBQUliRkx6VTlJeTQ/preview” align=”center” maxwidth=”640″]

Una nuova associazione di commercianti si è costituita a Nola. Si tratta di Etica Area Nolana, l’associazione al fianco delle piccole e medie imprese, dei lavoratori autonomi e delle attività professionali.

Etica è stata fondata da un gruppo di commercianti che sono fuoriusciti dall’Aicast. Una nuova entità che vuole continuare le lotte in difesa dei commercianti, tenendo fede ai principi che avevano animato il gruppo fino alla scorsa estate. Il ricorso presentato al Tar per opporsi ai provvedimenti messi in campo dall’amministrazione comunale, in relazione al destino della caserma Cesare Battisti, sarebbe stato l’episodio che avrebbe alterato definitivamente i rapporti con i vertici provinciali. Un ricorso per evitare la nascita di un centro commerciale nel sito, la cui futura realizzazione potrebbe condizionale la vita delle realtà commerciali cittadine, con un centro storico già caratterizzato da numerose serrande chiuse. Azioni volte alla tutela dei commercianti nolani, con inviti che sarebbero giunti dai vertici provinciali dell’associazione, a ricercare un dialogo con l’amministrazione. La presentazione di un emendamento alla delibera di Consiglio comunale non ha portato ai risultati sperati. Poi il bivio e la scelta.

Per il presidente Monica Tardivo, ”la posizione dei vertici provinciali dell’Aicast si stava allontanando dagli obiettivi e dalle finalità del gruppo, che ha deciso di presentare delle dimissioni”. Tra le attività svolte a tutela dei commercianti, il ricorso al Tar avverso alla delibera consiliare che cambiava la destinazione d’uso dell’area dove insiste l’ex caserma, con una manifestazione di interesse da parte del Demanio, ancora aperta;  la segnalazione del mancato adeguamento del Siad, alla normativa regionale del 2014, con la Giunta che in questi giorni ha deliberato per l’adeguamento dopo un sollecito regionale; la verifica della possibilità di accesso ai mezzi di soccorso, e dei vigili del fuoco in particolare, in via San Felice e via Santa Chiara, dopo l’installazione di paletti parapedonali che hanno ristretto di molto la carreggiata utile al transito degli automezzi. Per il presidente Tardivo, ”quanto fatto in Aicast continuerà in Etica, promuovendo gli stessi interessi collettivi, puntando alla valorizzazione e alla rinascita di una città commercialmente alla deriva”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close