Cronaca

Nola – Lavori pubblici, selezionato il dirigente

Un lungo periodo di travagliata gestazione per dotare il settore lavori pubblici e tutela ambientale di Nola di un dirigente. Alla fine dopo bandi, nomine, ricorsi, revoche e nuova selezione, si è giunti ad una fine. Il colloquio motivazionale ha premiato la dottoressa Duraccio, già nominata dirigente lo scorso anno e oggetto di ricorso al Tar da parte di Giacomo Stefanile, dirigente in organico al comune, che aveva segnalato alcune irregolarità procedurali, opponendosi alle decisioni e alle scelte dell’Ente ricorrendo e vincendo, tanto da far vanificare ogni azioni burocratica intrapresa dagli uffici comunali su indirizzo della Giunta.

Il nuovo bando pubblico, la cui scadenza si è avuta lo scorso 14 settembre, ha fatto arrivare all’ufficio protocollo otto domande, un elenco di otto nomi composti da architetti e ingegneri con esperienze e curriculum consistenti. La Commissione ha valutato e stilato una graduatoria che ha premiato la Duraccio, colmando quindi,  la carenza in pianta organica con un dirigente che potrà guidare due settori nevralgici per la vita amministrativa, come i Lavori pubblici e l’Ambiente.

Ma le polemiche nate intorno al bando di selezione, non si sono mai placate, e a mantenere accesa l’attenzione e la solita lettera anonima, una tradizione tutta nolana, che arriva nella cassetta postale di vari consiglieri. Una missiva che avrebbe sottolineato fatti e misfatti della politica nolana e della gestione amministrativa.

Una lettera indirizzata anche ad esponenti dell’opposizione; lettera dal contenuto legato al bando, alle modalità di selezione adottate, che avrebbero portato ad un esito ritenuto nella missiva scontato.

Tags

Articoli correlati

Rispondi

Close