Politica

Nola – Consiglio e Corte dei Conti – Consiliatura al via

La seconda amministrazione Biancardi si prepara a bissare il percorso amministrativo, cercando di dare continuità a quanto fatto e progettato nei primi cinque anni.

Dalla proclamazione degli eletti al primo consiglio; seduta che si dovrebbe tenere mercoledì 16 per eleggere il presidente del Consiglio e per definire l’assetto di giunta del secondo governo Biancardi.

L’assise sarà presieduta dalla consigliere Cinzia Trinchese, risultata la più votata nella tornata del 25 maggio, con la maggioranza che sembrerebbe intenzionata ad eleggere alla guida del consiglio, Carmela De Stefano.

Sul fronte giunta respirerebbero aria di riconferma Roberto De Luca all’Urbanistica, Michele Cutolo dovrebbe gestire l’Ambiente, Antonio Russo al Bilancio, Lavori Pubblici da assegnare o a Trinchese o a De Lucia, con una promessa di candidatura regionale che potrebbe risolvere la vertenza interna tra i due super-consiglieri. L’esecutivo così ipotizzato consoliderebbe tutto nelle mani di Forza Italia, lasciando fuori politiche sociali e beni culturali che dovrebbero essere assegnati alla civica di centro destra che ha sostenuto Biancardi e a Fratelli d’Italia, che in ballottaggio ha lasciato Vitale per sostenere il sindaco uscente. Ma voci considererebbero rotto l’accordo. Vedremo.

Su tutto pesa ancora l’inchiesta Mandatopoli, che si arricchisce di ulteriori faldoni di indagine e nuovo materiale al vaglio degli inquirenti, mentre dalla Corte dei Conti sarebbe giunto a palazzo di città una nuova comunicazione che avrebbe condannato ad un risarcimento di 30 mila il sindaco Biancardi, di 60mila euro l’assessore al personale Luciano Parisi e il dirigente Giacomo Stefanile invitato a restituire quattro anni di retribuzioni. I giudici contabili avrebbero considerato irregolare l’assunzione come dirigente esterno di Stefanile dopo il suo licenziamento.

Dunque dopo la condanna dei dirigenti avvenuta qualche anno fa ad un risarcimento di 1.800mila euro, ora il provvedimento avrebbe colpito anche gli amministratori alla vigilia di un nuovo ciclo amministrativo.

Articoli correlati

Rispondi

Close