VN Cultura

Nola – Caso Panorama, arriva la querela della Fondazione

Religiosi omaggi e inchini. Dall’articolo del settimanale Panorama alla querela della Fondazione. Un’articolo forte nei contenuti giudicato dal presidente della Fondazione Soprano gravemente lesivo dell’immagine e della storia secolare di una festa religiosa che nel 2013 ha ricevuto il riconoscimento Unesco.

L’articolo incriminato pubblicato dal settimanale nazionale poneva in risalto la vicenda di Oppido Mamertina, dell’inchino al boss, e dei precedenti esistenti nelle regioni del Mezzogiorno. Da Castellammare di Stabia a Pareti per arrivare allo “scandalo” nolano testualmente descritto: “scandalo alla Festa dei Gigli a Nola con i capi clan acclamati in piazza sulle note del Padrino e con i soldi raccolti nel nome di San Paolino che finivano nelle casse della camorra”.

Dura la presa di posizione della Fondazione che ha giudicato il testo “lesivo della reputazione evocando scenari di malcostume, malaffare e degrado, connotando la festa come strumento finalizzato alla realizzazione di comportamenti illecite ipotesi di reato di natura mafiosa”.

Il presidente Soprano ha messo in evidenza l’assenza di qualsivoglia riscontro, sia attuale che in tempi passati, nei fatti di cronaca o atti giudiziari. “Mai a Nola sono stati acclamati capo-clan in piazza e mai sono stati eseguiti “inchini” ai boss. A Nola l’unico inchino viene svolto in onore di San paolino in onore del quale da secoli, viene celebrata la festa dei Gigli”.

Questo un estratto del testo della rettifica chiesta dalla Fondazione al settimanale, fermo restando l’atto di querela inoltrato alle autorità competenti.

Tags

Articoli correlati

Rispondi

Close