Cronaca

Nola – Caso Cis, Bankitalia risponde a Confedercontribuenti

Continua  a tenere banco la vicenda legata al Cis, alle difficoltà economiche di numerosi imprenditori, al contestato finanziamento concesso al Cis da due banche.

Ormai da mesi la Confedercontribuenti sta seguendo il caso a tutela dei tanti imprenditori coinvolti  in fallimenti. La Confederazione diretta dal presidente Carmelo Finocchiaro, ha presentato un esposto nei confronti di Unicredit  e Intesa San Paolo, ed ha chiesto alla Banca d’Italia risposte in merito ad eventuali responsabilità della vigilanza.

Ricordiamo che la crisi ha visto il fallimento di 30 aziende, altre 100 dichiarate insolventi. E’ uno spaccato di realtà che la Confedercontribuenti nazionale, avrebbe raccolto nei dati di società e imprenditori operanti nel Cis di Nola.

Bankitalia ha fatto sapere, ”in riferimento alla procedura seguita dalle banche nella concessione del finanziamento in pool, che sono stati interessati gli intermediari trasmettendo copia dell’esposto e invitandoli a fornire risposte adeguate e tempestive”.  Banca d’Italia nella stessa nota precisa che ”la valutazione nel merito resta devoluta alla competenza esclusiva dell’autorità giudiziaria, dal momento che l’iscrizione della società Cis nell’elenco degli intermediari finanziari, risale al periodo 2005-2008, periodo nel quale tale attività non era sottoposta al regime di vigilanza prudenziale della banca d’Italia, con il regime che è stato introdotto solo nel 2010”.

Secondo Federcontribuenti, si tratterebbe di una prassi che di regola, che potrebbe far inviare gli ispettori Bankitalia, nel caso le risposte chieste non dovessero risultare adeguate.

”Siamo soddisfatti di questo primo, importante passo avanti – commenta Carmelo Finocchiaro – in quella che sappiamo essere una battaglia dura e ancora lunga. Abbiamo finalmente fatto accendere i riflettori di Bankitalia su operazioni finanziarie che sarebbero causa di fallimento per decine di imprese del CIS e di una rilevante perdita di occupazione al Sud”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close