Cronaca

Aversa – Corte dei Conti – standard edilizi: danni per 1,5 milioni

Aree destinate a spazi pubblici e ad uso della collettività come parcheggi, parchi giochi, verde pubblico e via proseguendo, da garantire ai cittadini ogni qual volta siano costruiti nuovi insediamenti civili oppure incrementati quelli esistenti.

Sono questi gli elementi che connotano i cosiddetti standard urbanistici. Un capitolo su cui ha aperto una significativa e corposa inchiesta la Procura regionale della Corte dei Conti della Campania e sviluppata con gli accertamenti condotti, per delega specifica, dai militari del comando provinciale della Guardia di Finanza di Caserta.

Sotto i riflettori la situazione delle aree degli standard urbanistici, rientranti nel patrimonio pubblico dell’amministrazione comunale di Aversa ed è emerso che nel corso degli anni, l’amministrazione ha subito e tollerato, l’occupazione di numerose aree da destinare invece ai servizi pubblici. In vari casi è stato addirittura accertato che aree di proprietà comunale sono state definitivamente sottratte alla disponibilità pubblica ed acquisite dai privati per usucapione. Acquisizione determinata dall’inerzia delle amministrazioni, susseguitesi negli anni a palazzo di città.

L’inchiesta contabile ha accertato che solo nel 2003 l’amministrazione ha cominciato ad interessarsi delle aree standard di sua proprietà realizzando un primo censimento, a cui ha fatto seguito nel 2006, l’elaborazione del regolamento gestionale delle aree. Regolamento, però, mai reso esecutivo: un pezzo di carta straccia. In questo quadro l’inchiesta alla luce di sopralluoghi e di atti documentali, evidenzia che il 73% degli standard ricadenti nel territorio comunale di Aversa, sono irregolarmente occupati dai privati. Sono risultanze d’indagine che attestano un danno erariale per la città normanna pari a un milione e mezzo di euro.

Danni di cui sono chiamati a dedurre, per le loro presunte responsabilità, il sindaco protempore, Domenico Ciaramella e i dirigenti degli uffici competenti comunali, Gennaro Pitocchi, Elio Florio e Claudio Pirone.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Close