Cronaca

Angri – Caso Soget, il pm Lenza ricorre in Cassazione

Non si ferma al secondo riesame la questione Soget e l’indagine della magistratura nocerina legata all’affidamento del servizio di riscossione tributi alla Soget. Il pm Roberto Lenza ricorre in cassazione contro le seconda sentenza del tribunale del Riesame, che ha rigettato la richiesta di arresto per il sindaco Mauri e la responsabile della società pescarese Maria Piccoli. Per il Pm i giudici avrebbero svalutato gli elementi che dimostravano con evidenza, l’esistenza del rapporto corruttivo tra gli indagati, ossia la contestualità dell’assunzione di Roberto Mauri, figlio del sindaco di Angri e l’affidamento del servizio di riscossione tributi alla Soget Spa con procedura illegittima.

Il pm contesta la parte del provvedimento con il quale il Riesame avvalla quanto sostenuto dal gip Alfonso Scerminio ritenendo testualmente che «l’assunzione di Roberto Mauri possa essere avvenuta da parte della Soget spa, per assicurarsi la compiacenza del sindaco del Comune presso il quale operava. Ovvero per una raccomandazione che il sindaco effettuava per conto del figlio presso la società al fine di ottenere un trattamento di riguardo». Non consentendo però di impiantare accuse di corruzione.

Falsa risulterebbe la prova fornita i sede di riesame dell’assunzione avvenuta tramite selezione, ne risulterebbe presentato il bando. Inoltre Mauri junior, il 15 aprile 2011, non era in possesso dei requisiti richiesti dal bando, ma assunto sulla base di un curriculum inviato alla società 35 giorni prima dell’indizione dell’avviso, e prima di aver sostenuto l’esame di abilitazione alla professione di dottore commercialista ed esperto contabile, che la società avrebbe dimostrato di richiedere come requisito per l’assunzione.

Dunque un alibi che sarebbe stato costruito a conferma di una consapevolezza dal parte della Soget Spa, così come attesta il pm nel ricorso in Cassazione, di ottenere attraverso il corrispettivo illecito dell’assunzione del figlio del sindaco, per ottenere l’affidamento illegittimo del servizio di riscossione dei tributi nel Comune di Angri.

In attesa della sentenza di terzo grado la vicenda ora si sposta al tribunale di Nocera Inferiore dove il 10 aprile il gip Paolo Valiante ha fissato l’udienza preliminare, in relazione alla richiesta di rinvio a giudizio depositata dal pm il 22 novembre scorso, nei confronti di Mauri, della Piccoli e dell’ex ragioniere Gerardo La Mura. La questione Soget non sembra esaurirsi solo a Nocera ma potrebbe avere un seguito alla Procura di Salerno, con un nuovo filone di inchiesta per falso ideologico.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Close