Politica

Angri – Alloggi popolari, prima del bando arrivano le domande

Alloggi popolari, nuove abitazioni da assegnare a chi è stato escluso dalla graduatoria dei 139 alloggi, destinati ai nuclei familiari che hanno abitato nei prefabbricati del post terremoto.

Attualmente sono dodici i nuclei familiari che ancora risiedono  a largo Caiazzo, fondo Badia e fondo Rosa Rosa.

Cinque le tipologie di alloggi previsti dall’avviso, si va da appartamenti ampi 45 metri fino a un massimo di 95 metri quadri per le famiglie composte da non più di sei persone. Allo schema è stato allegato anche il modello di domanda e tutta la documentazione, dopo aver subito una prima correzione, inviati in Regione per l’approvazione definitiva. Lo step successivo sarà la pubblicazione dell’avviso. E mentre si attende il si regionale, alcune istanze sono state già presentate in questi giorni al protocollo del Comune, utilizzando un modulo prestampato. Una situazione che ha generato da giugno a oggi non poca confusione tra il personale degli uffici, presi letteralmente d’assalto dagli interessati in cerca di notizie e certezze sull’avviso pubblico.

Possono aderire al bando tutti coloro che sono residenti ad Angri e hanno un reddito annuo non superiore ai 13mila euro, riferito al 2012. La giunta Mauri punta a ultimare lo sgombero delle aree occupate dai container, per dare inizio alla bonifica, che si aggira intorno a un milione e 750mila euro, accedendo a un finanziamento regionale. Resta infine da regolarizzare la posizione degli occupanti i 43 alloggi parcheggio. Le famiglie dovrebbero versare un canone minimo a titolo di cauzione pari a un euro a metro quadro, ma in molti non hanno mai provveduto, mentre le sistemazioni da temporanee si sono trasformate in definitive.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close