Politica

Agro Nocerino – Patto: siglato nuovo accordo per il CdA tra le polemiche

Votato il nuovo CdA della Patto per l’Agro, lo strumento di programmazione per lo sviluppo dell’Agro nocerino. Nomine che sono state accompagnate da numerose polemiche e scontri di posizione. Alla fine l’ha spuntata il blocco dei comuni minori con il supporto della Provincia di Salerno.

La presidenza è stata affidata al sindaco di Nocera Superiore Gaetano Montalbano, a Pietro Pentangelo, sindaco di Corbara, è stata affidata la vicepresidenza. Componenti del nuovo consiglio di amministrazione Andrea Pascarelli sindaco di Roccapiemonte, Franco Longanella, primo cittadino di Castel San Giorgio, Nunzio Carpentieri sindaco di Sant’Egidio, e gli esterni Genioso Zollo e Guido Verderosa. Definito anche il collegio dei revisori dei conti composto da Antonio Alfano, presidente, Sabato Sellitto e Alfonso Toscano.

Un nuovo cda eletto senza i voti dei comuni più importanti del comprensorio. Il sindaco di Scafati Pasquale Aliberti ha parlato di un’istituzione “ormai svuotata delle sue funzioni, uno strumento che serviva ai sindaci per programmare le risorse e garantire occasioni di sviluppo. Oggi, per Aliberti, questo principio è stato completamente sovvertito in nome di un gioco al massacro, di una vendetta politica contro quei sindaci che hanno scelto di agire in autonomia e di non allinearsi ai voleri della linea provinciale, i quattro comuni sono già pronti ad approvare in consiglio comunale la delibera che sancisce l’uscita dalla Patto”. Il sindaco di Angri, Pasquale Mauri, ha sottolineato “l’atteggiamento dell’amministrazione provinciale che, in un primo momento, aveva dichiarato di voler uscire dalla società, poi, con la sua forza percentuale, ha condizionato l’elezione e la scelta delle cariche sociali”.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close