Cronaca

Acerra – Gestione illecita rifiuti: sequestro da 200 milioni di euro

ACERRA – La Guardia di Finanza ha eseguito in mattinata un’ingente sequestro patrimoniale nei confronti dei fratelli Giovanni, Salvatore e Cuono Pellini, imprenditori di Acerra operanti nel settore dello smaltimento dei rifiuti. Si tratta di fabbricati, terreni, veicoli e mezzi industriali, oltre a rapporti bancari, per un valore stimato in circa 200 milioni di euro.

[arve url=”https://www.youtube.com/embed/E64mJH4F79k” maxwidth=”640″/]

 

 

 

Il provvedimento odierno fa seguito alle risultanze dell’operazione “Carosello-Ultimo Atto”, eseguita nel gennaio 2006 dall’arma dei Carabinieri, nel cui ambito gli imprenditori furono condannati in primo grado dal Tribunale di Napoli per aver posto in essere, tra il 1997 ed il 2005, delitti connessi all’illecito smaltimento di rifiuti, anche pericolosi.

Nel gennaio 2015, la IV Sezione della Corte d’Appello di Napoli riterrà configurato il delitto di disastro ambientale consumato. Secondo le sentenze il gruppo imprenditoriale si era sviluppato proprio attraverso la gestione illecita dei rifiuti, gestendone nei propri impianti circa un milione di tonnellate in pochi mesi, per un giro d’affari di svariati milioni di euro.

I Pellini, dopo aver effettuato cartolare declassificazione smaltivano illecitamente i rifiuti liquidi versandoli direttamente nel bacino dei Regi Lagni, ed i rifiuti speciali solidi, anche pericolosi, cedendoli come composto o smaltendoli mediante tombamento su terreni di destinazione agricola ed in cave adibite illegalmente a vere e proprie discariche.

Il processo penale conclusosi con la condanna, ha messo in luce un sistema criminale che per anni aveva movimentato e smaltito illegalmente tonnellate di rifiuti pericolosi e non, spesso provenienti dalle industrie del Nord Italia, alimentando l’economia dei clan camorristici operanti nel napoletano e nel casertano. L’analisi della documentazione economica, ai fini dell’applicazione della misure di prevenzione, ha consentito di evidenziare una notevole massa patrimoniale, frutto delle attività illecite realizzate nel corso degli anni.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close